globetr8tters – Francesca & Matteo Travel Blog

Dove mangiare Tapas a Barcellona

La Spagna è la patria delle “tapas” e noi, ovviamente, non potevamo lasciarcele mancare! Su 5 giorni di soggiorno, non ce n’è stato uno in cui non siamo andati a “tapear”, provando vari locali sparsi per Barcellona. Abbiamo quindi deciso di selezionare i 3 che ci sono piaciuti maggiormente (tenete conto che nella lista abbiamo escluso El Nacional, dal momento che ne parleremo a parte in un prossimo articolo!).

Tapa tapa

Inizialmente eravamo un po’ scettici sull’andare a mangiare in questo locale, per via delle recensioni lette in rete (con un punteggio medio di 3.5 su 5). Ad ogni modo abbiamo deciso di “tapear” nella sede che si affaccia proprio su Plaza de Catalunya, poco prima di prendere la navetta per tornare in aereoporto. Il locale offre sia posti a sedere all’esterno, che all’interno, dove l’arredamento è curato nei minimi dettagli con uno tocco di stile retro. Abbiamo ordinato due “copas” di sangria, che è disponibile nonostante non sia presente sul menù. Era buona, ma non la migliore che abbiamo provato a Barcellona (fra qualche riga scoprirete quale lo sia stata!). Il menù è molto vario, ci sono tapas di ogni genere (bocadillos, tapas di mare…) e numerose insalate, adatte quindi anche a persone vegane e vegetariane. Noi abbiamo deciso di alternare sapori di terra a quelli di mare. Abbiamo ordinato un bocadito di jamón iberico: una fetta di pane con del prosciutto iberico a 3,60€, che approviamo a pieni voti. Dopodiché ci hanno attirato dei tramezzini farciti con prosciutto iberico e mozzarella a 5,50€. Nonostante ci fosse poco prosciutto e la mozzarella non fosse VERA mozzarella, erano buoni, davvero croccanti e sfiziosi. Per quanto riguarda le tapas di mare, abbiamo scelto i calamari fritti alla romana (più spessi e croccanti rispetto ai calamari all’Andaluza) per 7,50€. Il prezzo è sicuramente elevato rispetto alla porzione di circa dieci anelli, ma siamo rimasti soddisfatti della qualità del prodotto. Tuttavia quello che ci ha stupito maggiormente sono state le cozze al vapore. Ci ha colpito la freschezza, il sapore unico e la porzione abbondante a soli 5,50€. Il personale è molto cortese e il servizio veloce, promosso!

Piattino di calamari fritti con calice di sangria a Barcellona
Interni del ristorante Tapa Tapa di Barcellona

Maestró

Tipico ristorante spagnolo dall’ambiente molto accogliente, con tavoli sia fuori, che dentro. Ci siamo accomodati al nostro tavolo e abbiamo subito ordinato da bere: volevamo provare sia la sangria (disponibile sia in calice che nella caraffa), che la loro birra artigianale, disponibile in diverse varianti. Entrambe le scelte si sono rivelate più che valide. Il menù è decisamente vario (pensate che preparano anche la pizza, ma abbiamo preferito non osare!). Il cibo è di qualità, ma i prezzi sono un po’ sopra la media. In particolare, sproporzionati per il tagliere misto di salumi e formaggi (19€, nonostante il fatto che risulti essere davvero scarso già solo per una persona). Abbiamo dunque deciso di ordinare qualcosa di più sostanzioso e siamo rimasti piacevolmente sorpresi, sia per le porzioni più generose, che per la qualità. L’hamburger era veramente delizioso, soprattutto per l’aggiunta del prosciutto crudo sminuzzato sulla carne, e i calamari fritti all’Andaluza non erano da meno. Il personale era molto gentile e il servizio abbastanza veloce. Per concludere la cena abbiamo richiesto un caffè, che non era annacquato, ma buono e soprattutto… Lavazza!

Vinitus

Dulcis in fundo il nostro locale preferito a Barcellona. Il ristorante è arredato modernamente ed è davvero grande: si sviluppa su due piani e dispone anche di tavolini all’esterno. È proprio qui che abbiamo bevuto la sangria (a nostro parere) più buona di tutta Barcellona, dal gusto inimitabile. Purtroppo, non è possibile ordinare un solo bicchiere: sono disponibili solo caraffe da mezzo litro o da un litro intero. Ma arriviamo al dunque, come si mangia? Divinamente. Noi abbiamo adorato le cozze al vapore, grandi e gustose, e i calamari all’Andaluza, rigorosamente fini e morbidissimi. I più buoni di sempre. D’altra parte non ci siamo lasciati sfuggire i bocaditos di jamón iberico de bellota: croccanti fette di pane e pomodoro con qualche fetta di prosciutto crudo sopra davvero saporito. Unica nota dolente… il prezzo, rigorosamente sopra la media, anche se, ripensandoci, riteniamo ne sia valsa sicuramente la pena!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.